Il motivo del licenziamento per giustificato motivo oggettivo deve essere recente

giusta causa

Il licenziamento, anche alla luce delle più recenti riforme del mercato del lavoro, deve essere sempre sorretto da una causa che può essere imputabile al prestatore di lavoro (come ad esempio il licenziamento per giusta causa) o no (ad esempio il licenziamento per soppressione del posto nell’organigramma aziendale).

Fra le ipotesi di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, rientra il c.d. licenziamento economico, cioè quello che trova causa nell’andamento economico dell’azienda: le ipotesi più ricorrenti sono le crisi aziendali che impongono al datore di lavoro di ridurre il personale sia per contenere i costi sia perché parte dei lavoratori risulta in esubero.

Chi propone ricorso per il licenziamento per giustificato motivo oggettivo che ritiene illegittimo deve sicuramente sapere che il giudice non può entrare nel merito delle decisioni dell’imprenditore su come gestire la propria impresa; tuttavia, al giudice è permesso sindacare altri elementi che concorrono a definire se il licenziamento sia legittimo o meno.

Fra i vari elementi sindacabili dal giudice c’è la concomitanza del licenziamento all’evento che ha causato la crisi: con la sentenza 13116/2015 la Corte di Cassazione, sezione Lavoro, ha stabilito che licenziare un dipendente con riferimento a un fatto che sussiste da tempo non è legittimo.

Per essere valido, è necessario che il licenziamento avvenga in concomitanza con l’evento che “scatena” la crisi aziendale: ad esempio, se viene cessata una linea produttiva occorre che il licenziamento degli addetti sia contestuale; in caso contrario, cioè se i dipendenti vengono licenziati dopo parecchio tempo, il fatto non può più giustificare il licenziamento che, quindi, sarà illegittimo.

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

avvocato mobbing, studio legaleavvocato lavoro Imperia Sanremostudio legale

About the Author

Valentina Oberti

Web Writer
Laureata in Giurisprudenza, mi occupo di Diritto del Lavoro e Sindacale in ambito accademico.
Ho all’attivo pubblicazioni su riviste scientifiche e attualmente collaboro
con diverse testate online.

Comments are closed.