Visite fiscali 2017, fasce di reperibilità

licenziamento lavoratore in malattia licenziamento lavoratore in malattia

Visite fiscali 2017: tutto quello che bisogna sapere per non rischiare

Sia per quanto riguarda i dipendenti pubblici che quelli privati devono tenere bene in mente tutte le regole per non rischiare quando si è in malattia: dagli orari alle fasce di reperibilità passando per tutte le regole che dovreste sapere. In questo articolo ci occuperemo proprio di questo, dandovi tutte le informazioni per non correre alcun rischio.

Le fasce di reperibilità 2017 per i dipendenti pubblici e privati

Il lavoratore dipendente, sia esso pubblico o privato, nel caso di malattia e previa opportuno invio del certificato medico, deve rimanere a casa ed essere, appunto reperibile solo per certe fasce di orario, definite “fasce di reperibilità”. Entro due giorni dalla malattia, il lavoratore è tenuto all’invio del certificato medico al proprio datore di lavoro; sarà poi – ovviamente – cura del datore di lavoro, dare l’input all’INPS per le visite fiscali.

Nelle ore al di fuori di quelle che vi indicheremo, pertanto, non siete tenuti a farvi trovare in casa. Vi ricordo che le fasce di reperibilità permangono anche nel fine settimana, quindi anche nel week end – pur se il vostro lavoro prevede di lavorare anche nel fine settimana.

Le fasce di reperibilità variano a seconda che siate dipendenti pubblici o dipendenti privati. Andiamo a vederle.

Fasce di reperibilità 2017 per i dipendenti pubblici

Per quanto riguarda le fasce di reperibilità, ci sono delle differenze tra dipendenti pubblici e privati.

I dipendenti pubblici devono essere reperibili in queste fasce orarie:

  • Fascia oraria dipendenti pubblici MATTINA: 10:00 – 12:00.
  • Fascia oraria dipendenti pubblici POMERIGGIO: 17:00 – 19:00.

Fasce di reperibilità 2017 per i dipendenti privati

I dipendenti privati devono essere reperibili in queste fasce orarie:

  • Fascia oraria dipendenti privati MATTINA: 09:00 – 13:00.
  • Fascia oraria dipendenti privati POMERIGGIO: 15:00 – 18:00.

La sanzioni per chi non rispetta le fasce di reperibilità

Qualora non vi facciate trovare in casa durante le fasce di reperibilità rischiate di incappare in delle sanzioni per assenza ingiustificata, che consiste nel decurtamento di parte dello stipendio. Nei 15 gg successivi alla notifica della sanzione, però, è possibile presentare una giustificata motivazione per l’assenza.

Non bisogna, comunque dimenticare, che vi sono dei casi in cui è prevista l’esenzione dalla fascia di reperibilità:

– Cause di forza maggiore;

– Visita medica in orario contestuale al controllo;

– Situazioni particolari che hanno obbligato il lavoratore a trovarsi altrove.

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

avvocato lavoro Imperia Sanremostudio legale

About the Author

licenziamento, lavoro & mobbing

Avvocato lavoro e immigrazione , web writer